CARUSO di LUCIO DALLA
Attenti al lupo ] [ CARUSO di LUCIO DALLA ] CON  TE  PARTIRÒ di Andrea Bocelli ] E la luna bussò - Loredana Berté ] Fumo negli occhi ] L'italiano Toto Cutugno ] La prima cosa bella ] Laura non c'è ] Montagne verdi ] Non si può morire dentro - Gianni Bella ] Non è Francesca ] Susanna ]

CARUSO di LUCIO DALLA
Attenti al lupo ] [ CARUSO di LUCIO DALLA ] CON  TE  PARTIRÒ di Andrea Bocelli ] E la luna bussò - Loredana Berté ] Fumo negli occhi ] L'italiano Toto Cutugno ] La prima cosa bella ] Laura non c'è ] Montagne verdi ] Non si può morire dentro - Gianni Bella ] Non è Francesca ] Susanna ]

CARUSO di LUCIO DALLA
Attenti al lupo ] [ CARUSO di LUCIO DALLA ] CON  TE  PARTIRÒ di Andrea Bocelli ] E la luna bussò - Loredana Berté ] Fumo negli occhi ] L'italiano Toto Cutugno ] La prima cosa bella ] Laura non c'è ] Montagne verdi ] Non si può morire dentro - Gianni Bella ] Non è Francesca ] Susanna ]

CARUSO di LUCIO DALLA
Attenti al lupo ] [ CARUSO di LUCIO DALLA ] CON  TE  PARTIRÒ di Andrea Bocelli ] E la luna bussò - Loredana Berté ] Fumo negli occhi ] L'italiano Toto Cutugno ] La prima cosa bella ] Laura non c'è ] Montagne verdi ] Non si può morire dentro - Gianni Bella ] Non è Francesca ] Susanna ]

CARUSO di LUCIO DALLA
Attenti al lupo ] [ CARUSO di LUCIO DALLA ] CON  TE  PARTIRÒ di Andrea Bocelli ] E la luna bussò - Loredana Berté ] Fumo negli occhi ] L'italiano Toto Cutugno ] La prima cosa bella ] Laura non c'è ] Montagne verdi ] Non si può morire dentro - Gianni Bella ] Non è Francesca ] Susanna ]

CARUSO di LUCIO DALLA
Attenti al lupo ] [ CARUSO di LUCIO DALLA ] CON  TE  PARTIRÒ di Andrea Bocelli ] E la luna bussò - Loredana Berté ] Fumo negli occhi ] L'italiano Toto Cutugno ] La prima cosa bella ] Laura non c'è ] Montagne verdi ] Non si può morire dentro - Gianni Bella ] Non è Francesca ] Susanna ]

CARUSO di LUCIO DALLA

Qui dove il mare luccica e tira forte il vento
Su una vecchia terrazza davanti al golfo di Surriento
un uomo abbraccia una ragazza dopo che aveva pianto
Poi si schiarisce la voce e ricomincia il canto

Te voglio bene assai
Ma tanto tanto bene sai
È una catena ormai
che scioglie il sangue dint’e vene sai

Vide le luci in mezzo al mare pensò alle notti là in America
Ma erano solo le lampare e la bianca scia di un’elica
Sentì il dolore nella musica si alzò dal pianoforte
Ma quando vide la luna uscire da una nuvola
Gli sembrò più dolce anche la morte
Guardò negli occhi la ragazza quegli occhi verdi come il mare
Poi all’improvviso uscì una lacrima e lui credette di affogare

Te voglio bene assai
Ma tanto tanto bene sai
È una catena ormai
Che scioglie il sangue din’e vene sai

Potenza della lirica dove ogni dramma è un falso
Che con un po’ di trucco e con la mimica puoi diventare un altro
Ma due occhi che ti guardano così vicini e veri
Ti fan scordare le parole confondono i pensieri
Così diventa tutto piccolo anche le notti là in America
Ti volti e vedi la tua vita come la scia di un’elica
. . . ma si è la vita che finisce ma lui non ci pensò poi tanto
Anzi si sentiva già felice e ricominciò il suo canto

Te voglio bene assai
Ma tanto tanto bene sai
È una catena ormai
Che scioglie il sangue dint’e vene sai

A proposito di Caruso

Caruso in una delle ultime sere della sua vita, una sera caldissima, non volle rinunciare a cantare davanti a colei che lo guardava commossa. Pur allo stremo delle forze, fece trasportare il pianoforte sulla terrazza che dava proprio sul porto di Sorrento.

E cantò, forse per l’ultima volta, più che una romanza, una appassionata confessione d’amore nei confronti della giovane alla quale lui insegnava il canto.

Amore e sofferenze viaggiano spesso insieme nel cuore degli uomini e delle loro canzoni.

Caruso era malato di cancro alla gola, ma la sua voce era ancora tanto potente che fu udita anche fuori dal porto, cosicché i pescatori rientrarono con le loro barche e si misero sotto la terrazza per ascoltare. Le loro lampare sembravano stelle nel cielo, forse Caruso vedendole pensò a New York, ai trionfi americani, rivide le luci lontane del golfo di Napoli e perdendosi negli occhi della ragazza continuò a cantare.

Quella notte Caruso stette molto male. . .

Dopo poco morì.