A TEATRO
[ A TEATRO ] PRONOMI DIRETTI CON I TEMPI COMPOSTI ] PLURALI PARTICOLARI ] Sintesi grammaticale ] Elementi di civiltà - IL TEATRO ITALIANO DEL NOVECENTO ]

A TEATRO
[ A TEATRO ] PRONOMI DIRETTI CON I TEMPI COMPOSTI ] PLURALI PARTICOLARI ] Sintesi grammaticale ] Elementi di civiltà - IL TEATRO ITALIANO DEL NOVECENTO ]

A TEATRO
[ A TEATRO ] PRONOMI DIRETTI CON I TEMPI COMPOSTI ] PLURALI PARTICOLARI ] Sintesi grammaticale ] Elementi di civiltà - IL TEATRO ITALIANO DEL NOVECENTO ]

A TEATRO
[ A TEATRO ] PRONOMI DIRETTI CON I TEMPI COMPOSTI ] PLURALI PARTICOLARI ] Sintesi grammaticale ] Elementi di civiltà - IL TEATRO ITALIANO DEL NOVECENTO ]

A TEATRO
[ A TEATRO ] PRONOMI DIRETTI CON I TEMPI COMPOSTI ] PLURALI PARTICOLARI ] Sintesi grammaticale ] Elementi di civiltà - IL TEATRO ITALIANO DEL NOVECENTO ]

A TEATRO
[ A TEATRO ] PRONOMI DIRETTI CON I TEMPI COMPOSTI ] PLURALI PARTICOLARI ] Sintesi grammaticale ] Elementi di civiltà - IL TEATRO ITALIANO DEL NOVECENTO ]

A TEATRO

Riccardo rientra a casa all'ora di cena e parla con sua moglie che prepara da mangiare.

RICCARDO:Ciao Lia, eccomi qua. E' pronta la cena?
LIA: Quasi pronta, Riccardo. Ti sei ricordato dei biglietti per lo spettacolo di questa sera? Il palco l’avevo già prenotato io.
RICCARDO:Ce li ho, ce li ho! Li ha presi la mia segretaria.
LIA:Li ha comprati poi?
RICCARDO:Sì, li ha comprati; anche se ha dovuto fare la fila. Ma dove li ho messi? Ah, eccoli qui.
LIA:Quanti ne ha fatti?
RICCARDO:Ne ha comprati. quattro: due per noi e due per i Signori Santini.
LIA:Come? I Santini vengono con noi?
RICCARDO:Sicuro. La volta scorsa quando li abbiamo incontrati al tennis club, io li ho invitati per questa sera con noi per vedere l'ultima commedia di Eduardo de Filippo.
LIA:Ma Riccardo, ti ho detto tante volte che lei è antipatica: mi ha incontrato spesso per la strada e non mi ha mai salutata.
RICCARDO:Pazienza! Tu non sopporti lei, io non sopporto lui. Su, su, dobbiamo cenare in fretta. Se ci mettiamo a discutere faremo tardi e non potremo entrare.

 

A teatro

Riccardo rientra a casa e domanda alla moglie se la cena è pronta.

Lia vuol sapere se il marito ha procurato i biglietti per lo spettacolo della sera visto che il palco l’aveva già prenotato lei.

I biglietti sono pronti. Non li ha comprati Riccardo; li ha presi Maria, la sua segretaria. È riuscita a farli dopo una lunga fila al botteghino del teatro.

Maria ne ha comprati quattro: due per i signori Santini che desiderano, anche loro, vedere lo spettacolo.

La moglie non è contenta di questa compagnia, perché la signora Santini più volte l’ha incontrata e non l’ha salutata mai.

Riccardo risponde che non c’è niente da fare, perché è necessario restituire ai signori Santini la cortesia dell’invito a cena al tennis club.